Da Pearl Harbor alla dichiarazione di guerra di Hitler agli USA: come la guerra diventò mondiale

All’inizio del dicembre 1941, la guerra aveva già cambiato il mondo in maniera più profonda di quanto si potesse immaginare.
La Germania nazista aveva occupato la maggior parte dell’Europa, e  la seconda guerra sino-giapponese aveva trasformato la Cina in un campo di battaglia. Ma questi conflitti non erano ancora inestricabilmente legati, e gli Stati Uniti erano ancora in pace.
Tutto cambiò nel giro di soli cinque giorni. Il 7 dicembre, l’aviazione giapponese lanciò il suo devastante attacco contro la flotta americana ancorata a Pearl Harbor; l’11 dicembre, la Germania e l’Italia dichiararono guerra agli USA: la guerra diventò così davvero mondiale.
Questo libro racconta la storia di quei cinque giorni convulsi. Attraverso approfondite ricerche, Brendan Simms e Charlie Laderman dimostrano come quella di Hitler non fu la folle decisione di un sanguinario, ma un rischio attentamente calcolato in un contesto globale.

L’avvincente resoconto dei cinque giorni più importanti del ventesimo secolo

«La storia al suo meglio… un libro brillante, diretto, rivelatore. Una superba opera di ricerca.»
Andrew Roberts, autore di Churchill: la biografia

«Un libro che è destinato a diventare un classico.»
John Lewis Gaddis, Yale University

Brendan Simms

È professore di Storia delle relazioni internazionali e borsista a  Cambridge, dove abita. È autore di diversi libri.

Charlie Laderman

È docente di Storia internazionale presso il King’s College di Londra. È autore di molti libri sulla politica estera di USA e Regno Unito.

More by Charlie Laderman & Brendan Simms